Basta scuse: impariamo a fare le cose che non sappiamo (ancora) fare

31 Mag, 2018 | Business

Non lo so fare non è una scusa

Era da tempo che pensavo di creare contenuti per YouTube. Più o meno da quando ho cominciato a fare le dirette su Facebook. Ci pensavo, ma poi non passavo all’azione.

Fare le dirette su Facebook – o su Instagram – è abbastanza facile. Ti punti il telefono in faccia e cominci a parlare. Stop.

Certo, se sei timido o se sei impacciato davanti alla telecamera è più complicato. Ma le dirette, o almeno quel tipo di dirette, non richiedono né competenze tecniche né attrezzature costose.

Fare video è un’altra storia. È decisamente più complicato. Ecco perché non facevo video.

Poi, un giorno, mi sono detta che no, non lo so fare non è una scusa.

Nessuno nasce imparato

Se dovessi fare due liste, quella delle cose che so fare e quella delle cose che non so fare, la seconda sarebbe infinitamente più lunga della prima. Vale per me e vale per tantissime altre persone, tuttologi esclusi.

Fare due liste del genere, però, sarebbe inutile e anche frustrante. Dovrei fare i conti con i miei limiti, con le mie incompetenze.

Se invece facessi altre due liste, quella delle cose che non sapevo fare e che ho imparato a fare, con ogni probabilità mi gaserei tantissimo. E mi ricorderei che magari, su dieci cose che non sapevo fare, una ho imparato a farla, e magari pure bene. Epic win per me!

Il punto è che nessuno nasce imparato, ma tutto (o quasi) si può imparare. Basta mettersi lì e cominciare a farsi il mazzo.

L’ossessione della perfezione

Tutti abbiamo imparato a fare cose. Leggere e scrivere, per esempio. Fare di conto. E tutte quelle cose che ci insegnavano a scuola.

Crescendo siamo stati costretti a imparare a farne altre, di cose. E non solo a scuola o all’università. Abbiamo imparato a cucinare, ad attaccare un bottone, a cambiare una ruota forata, a montare i mobili Ikea, a truccarci. Sembrano cose piccole, quasi insignificanti. Eppure sono cose importantissime.

Pensaci: se non sapessi cucinare, per esempio, dovresti ordinare pasti da asporto due volte al giorno. Sarebbe un salasso per le tue finanze. E forse non sarebbe nemmeno il massimo per la tua salute. Ti immagini a mangiare solo pizza e hamburger e fritti?

Che poi imparare a fare una cosa non significa diventare il numero uno. Insomma, io me la cavo ai fornelli ma non sono Cannavacciuolo. E dopo ore e ore trascorse a guardare tutorial su YouTube ho imparato a truccarmi, ma non sono diventata Lisa Elridge.

Secondo me, dobbiamo liberarci dall’ossessione della perfezione. E accettare il fatto che, certe volte, basta saper fare le cose in maniera decente, e non per forza in maniera eccellente.

Ma più cose impareremo a fare, più andremo lontano – nella vita e nel lavoro.

Non voglio diventare Quentin Tarantino

Così, alla fine, ho deciso che volevo imparare a fare i video, perché ci tenevo veramente a creare contenuti per YouTube. E ci tenevo perché sapevo che potevano essere utili per il mio business.

Mi sono messa lì a studiare e ho preso confidenza con un programma di videoediting che si chiama Filmora, che ho scoperto seguendo il b/vlog di Immaginativi.

E quando, dopo una serie di tentativi, più o meno fallimentari, mi sono resa conto che riuscivo a portare a casa dei video di tre minuti, sono stata fiera di me.

Se non mi fossi liberata dell’ossessione della perfezione, sarei ancora lì a pensare: Oddio, quanto mi piacerebbe fare dei video per YouTube. Ma anche a dirmi: No, non posso, non sono capace. Insomma, a fare lacrimucce.

Invece no. Anche perché si tratta di video brevissimi, che non a caso si chiamano pillole. E non ho chissà quali velleità. Non voglio diventare una YouTuber. E non voglio diventare nemmeno Quentin Tarantino. Ok, magari se rinasco ci faccio un pensierino a questa cosa di diventare Quentin Tarantino, ma per questa vita va bene così.

Chiedi scusa, no scuse

Il mio problema, come ti dicevo, erano i video. Magari il tuo problema sono i post del blog, o le storie su Instagram, o l’ebook che rimandi da due anni, o chissà che altro.

Qualunque sia il tuo problema, scommetto che non è insormontabile. Sono sicura che se ti metti lì e cominci a farti il mazzo, imparerai.

Non raggiungerai la perfezione, non diventerai il numero uno, ma otterrai qualcosa. Sicuramente più di quanto otterresti continuando a inventarti scuse.

♫ Lacrime – Ghali

Ti sei già iscritto al mio canale YouTube?

Vuoi ricevere i mixtape?

La mia newsletter è un mixtape.

Arriva una volta al mese, di venerdì.

Dentro c'è tanta roba: riflessioni su un tema che ha a che fare con il business, con la comunicazione e con il marketing online, contenuti extra e tanta musica.

Se ti va, qui puoi leggere il mixtape #1

E - ovviamente - ci sono anche i regali.

1 commento

  1. Silvia

    Grande Chiara !!! Ci ho messo un po’ a trovare la tua citazione ma ce l’ho fatta!
    Sono contenta che i miei video-tutorial su Filmora ti siano stati utili.
    Mi sono iscritta al tuo canale. Io amo YouTube.

    Scrivimi che ti offro una video consulenza: un ho po’ di cose da dirti, se ne hai voglia !
    A presto

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.