Partire col blog

22 Gen, 2019 | Strategie

Un po’ di cose che devi sapere se vuoi partire con un blog

Dopo lunghe riflessioni e lucide analisi, hai capito che se vuoi che la tua attività passi al livello successivo, non puoi affidarti solo ed esclusivamente ai social (che oggi ci sono e domani chissà).

Hai capito che i canali proprietari sono le fondamenta della tua comunicazione online, quindi hai deciso di puntare sul sito, sulla newsletter e – tadan! – sul blog. Sì, nel 2019, finalmente, dopo tanto tentennare, partirai o comincerai a fare sul serio col blog.

Secondo me, è un’ottima idea. Però sappi che non è facile, non è rapido e non è indolore.

In questo post, proverò a farti un quadro realistico di quello che ti aspetta. Se credi negli unicorni, nelle fatine e nelle bacchette magiche, ti consiglio vivamente di interrompere qui la lettura.

I grandi temi e le categorie del blog

Ancora prima di pensare al primo post, devi avere chiaro il quadro di insieme e identificare i grandi temi del tuo blog, e poi declinarli in categorie.

Idealmente, questi grandi temi devono essere pochi ma buoni. Diciamo quattro o cinque. E soprattutto devono andare a braccetto con quello che fai e con quello che vendi.

Poniamo il caso che tu sia un fotografo. Lavori principalmente con freelance e liberi professionisti che hanno bisogno di foto per i loro siti e i loro canali social. E stai pensando di lanciare un corso di base per chi vuole imparare a scattare e a editare foto per Instagram.

Quali potrebbero essere i tuoi grandi temi?

Potresti scrivere:

  • una serie di post dove spieghi che anche le foto sono un elemento della brand identity, che ci sono foto adatte a un sito professionale, altre che funzionano per i social, quali sono le differenze tra una foto profilo “istituzionale” e un selfie da pubblicare su Instagram e via dicendo.
  • una serie di post dove dai delle dritte più tecniche a chi vuole imparare a scattare delle foto decenti per Instagram: parlare di luci, di inquadrature, di composizione, di accostamenti cromatici, di impostazioni automatiche e manuali e via dicendo.
  • una serie di post dove presenti software e app utili per il fotoritocco: a pagamento, gratuiti, da usare via pc o via smartphone, per principianti, per persone che già hanno un minimo di familiarità con queste diavolerie, e magari spiegare cosa sono i filtri, come si creano dei preset personalizzati e via dicendo.
  • una serie di post del tipo backstage, raccontando e magari mostrando il dietro le quinte di un servizio che hai realizzato per un cliente.

La scrittura dei post blog

Una volta che avrai individuato i temi del tuo blog, dovrai cominciare a scrivere questi benedetti post.

Ti sconsiglio di partire da un foglio bianco o da un documento di testo immacolato perché non caveresti un ragno dal buco.

Perfino chi scrive per mestiere, prima di passare a quella fase lì, si dà un bel po’ da fare, buttando giù idee, schemi, scalette.

E ti consiglio soprattutto di non cadere nel tranello del basta poco che ce vo’, che siamo andati tutti a scuola e quindi sappiamo scrivere.

A scuola abbiamo imparato a scrivere in italiano corretto e a non fare strafalcioni, ma nessuno ci ha insegnato come si scrive un post per il blog. Perché scrivere un post per il blog è diverso da scrivere una brochure per un villaggio vacanze, è diverso da scrivere un saggio di medicina o economia, è diverso da scrivere un pezzo di cronaca giudiziaria sul quotidiano locale, è diverso da scrivere lo script di uno spot pubblicitario per la radio e così via.

Secondo me, dovresti passare un po’ del tuo tempo a leggere: blog che apprezzi,  testi specifici sulla scrittura per il web, e magari anche qualcosa sul SEO copywriting, perché un buon post deve piacere ai lettori ma anche a Google.

Un post blog non è solo testo

Dicevamo che la scrittura per il web è diversa da altri tipi di scrittura, e che è cosa buona e giusta capire come funzionano certi meccanismi, fare la conoscenza di certe buone pratiche (non solo SEO) e via discorrendo.

Ma i contenuti per il web, anche quando sono testi, non sono solo testi.

Nel post che stai leggendo, per esempio, c’è un titolo e c’è un’immagine. Il testo non è un muro compatto ma ci sono sottotitoli, paragrafi, parole o intere frasi messe in risalto dai grassetti, link. E ancora: c’è una call to action, c’è un form di iscrizione alla newsletter, c’è una carrellata di video, e un po’ di altra roba.

Possono sembrarti dettagli ma sono quei dettagli che fanno la differenza e che possono contribuire a determinare il successo o l’insuccesso del tuo blog.

Ecco perché devi pensare anche a tutti questi dettagli quando scrivi un post per il blog, e di volta in volta, devi trovare il titolo e l’immagine migliore, curare la formattazione, decidere quali link inserire, occuparti della call to action (che merita decisamente attenzione) e tutto quanto il resto.

♫ Ora che fai? – Salmo

Vuoi iscriverti alla newsletter?

Se ti è piaciuto quello che hai letto, iscriviti alla newsletter, così ogni settimana ti arriva via mail il nuovo post del blog.

E una volta al mese mese ti mando il mixtape dove condivido le mie riflessioni su business, comunicazione, marketing online, con un po' di musica in sottofondo.

Se ti va, qui puoi leggere il mixtape #1.

E - ovviamente - ci sono anche i regali.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.