Fare personal branding

7 Nov, 2017 | Branding

Personal branding, questo sconosciuto

Esistono cose controverse, quelle che o le ami o le odi. Tipo il rap. O le scarpe col tacco. O la cipolla rossa cruda. La pizza no, quella la amiamo tutti quindi non la catalogherei tra le cose controverse. E non catalogherei tra le cose controverse nemmeno il merluzzo bollito, perché quello lo odiamo tutti – giusto?Un’altra cosa che catalogherei tra quelle controverse, dopo il rap, le scarpe col tacco e la cipolla cruda, è il personal branding.

Quando dico che mi occupo di branding per piccoli business, e cioè di personal branding, di solito ottengo tre reazioni:

  • Eh? Cosa hai detto? Puoi ripetere?
  • WOW! Che figata!
  • Oddio, che orrore! Personal branding booo booo!

Ovvero:

  • Non so cosa sia.
  • So cos’è e ci sto dentro.
  • Penso di sapere cos’è e mi fa schifo.

Due o tre cose che so sul personal branding

Io non sono un tipo da: Ehi, vieni un po’ qua che ti insegno la vita. È un atteggiamento che non mi appartiene e che mi urta il sistema nervoso quando lo percepisco negli altri, quelli che vorrebbero insegnare la vita a me.Però due o tre cosine sul personal branding credo di saperle. E se appartieni al gruppo “Non so cosa sia” o al gruppo “Penso di sapere cos’è e mi fa schifo”, quelle due o tre cosine vorrei proprio dirtele.

Cosa NON è il personal branding

Prima di dirti cos’è il personal branding (secondo me), ci tengo a dirti cosa NON è il personal branding (secondo me).

  • Il personal branding NON è raccontare frottole.
  • Il personal branding NON è inventarsi un personaggio.
  • Il personal branding NON è simulare una vita da favola.

A questo proposito, vorrei consigliarti un libro che ho adorato: La mia vita non proprio perfetta di Sophie Kinsella. È un romanzetto leggero, come tutti i romanzi di Sophie Kinsella, ma anche peso – se sai come leggerlo.

Parla di questa cosa qui: del voler dare un’immagine di sé completamente falsa e lontana dalla realtà, soprattutto sui social. E secondo me può insegnarti molte cose sul personal branding, più di quante te ne insegnerebbero millemila articoli e manuali.

E allora cos’è questo personal branding?

Vuoi sapere cos’è il personal branding secondo me?

Dal mio punto di vista, il personal branding è semplicemente capire chi sei, cosa ti rende unico, quali sono i tuoi valori, qual è il contributo che puoi dare per rendere il mondo un posto un pizzico migliore.

Se riesci a capire queste cose e se riesci a trasferirle nel tuo piccolo business, quando ti racconterai per promuoverti e per promuovere il tuo lavoro, perché in fondo stiamo pur sempre parlando di business!, lo farai con sincerità e con serenità.

Ti dico di più: funzionerà, perché le bugie hanno le gambe corte, e per quanto tu possa essere bravo, prima o poi ti farai sgamare. E poi si sa che la sincerità paga.

Però ti avverto: non è facile, non è rapido, e non è indolore.

♫ Sincerità – Arisa

Vuoi fare sul serio insieme a me?

Vuoi iscriverti alla newsletter?

Se ti è piaciuto quello che hai letto, iscriviti alla newsletter, così ogni settimana ti arriva via mail il nuovo post del blog.

E una volta al mese mese ti mando il mixtape dove condivido le mie riflessioni su business, comunicazione, marketing online, con un po' di musica in sottofondo.

Se ti va, qui puoi leggere il mixtape #1.

E - ovviamente - ci sono anche i regali.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.