Money

2 Gen, 2018 | Business

La sindrome di Becky Bloomwood

Lo confesso, sono una spendacciona. E quando lo spirito di Becky Bloomwood si impossessa di me, sono guai seri.

Che poi non sono il tipo che spende 300 euro per una borsa, o 500 euro per un cappotto, o che cambia il telefono ogni sei mesi.

No, sono peggio. Sono il tipo che in un mese può buttare via 400 euro per niente. O almeno, per sciocchezze. Tipo: due o tre libri che non leggerò mai, quel taccuino incantevole che resterà incellofanato per mesi perché ne sto già usando altri cinque o sei al momento, quei collant sfiziosissimi che non indosserò perché soffro il freddo e figurati se in inverno me ne vado in giro in gonna, l’abbonamento a questo e a quello, e via dicendo.

Per anni mi sono chiesta: ma dove cavolo vanno a finire i soldi che guadagno?

Finché, con l’aiuto del Bullet Journal, ho cominciato a tenere traccia di ogni euro speso. E i nodi sono venuti al pettine.

Così ho cercato di razionalizzare le spese assolutamente superflue. Perché diciamo la verità, si può vivere benissimo anche lasciando da Tiger 30 euro al mese anziché 200. E si può scegliere se abbonarsi a uno solo tra Netflix o NowTV , dato che si vive anche senza essere abbonati a tutti i servizi di streaming dell’universo.

E insomma, dopo aver tenuto traccia per qualche mese di ogni euro speso, ho fatto un po’ di conti e proiezioni e ho avuto un’illuminazione che nemmeno sulla via di Damasco.

Ho pensato: e se provassi a controllare il mio impulso a spendere in maniera del tutto irresponsabile e a investire quelle cifre nel mio piccolo business?

Bingo!

Ci vuole un budget

Ho definito il mio budget, ho fissato le mie priorità e vedo il futuro luminoso, con sfumature pastellose.

Una parte di quel budget ha coperto certe spese urgenti: il nuovo hosting + il nuovo tema + la migrazione del vecchio sito, la nuova visual identity + biglietti da visita.

Una parte di quel budget la userò nel corso del 2018 di per altre cose, tra cui una webcam come Dio comanda, visto che sì, ci sto prendendo gusto a fare le dirette su Facebook, un paio di corsi che vorrei seguire e svariate altre cose.

Basta poco che ce vò

È anche per questa ragione che reagisco con una smorfia quando qualcuno mi dice: Eh, ma io non ce l’ho un budget da investire nel mio piccolo business.

Prima di tutto perché nella maggior parte dei casi, anche chi non spende e spande in maniera totalmente scriteriata come tendo a fare io, può tagliare da qualche parte, e cominciare a mettere da parte un gruzzoletto.

E in secondo luogo perché anche con piccole cifre si possono fare grandi cose, o almeno cose buone e giuste.

  • Con 100 euro, per esempio, potresti comprare dieci o più ebook che non ti trasformerebbero come per magia in un pro di tutto lo scibile umano, ma potrebbero aiutarti a colmare lacune e ad approfondire argomenti di vario tipo. Qui trovi qualche consiglio di lettura, se ti interessa.
  • Con 200 euro, potresti comprare un hosting e un tema, metterti a studiare, e crearti da solo un sito e un blog.
  • Con 300 euro, molto probabilmente, potresti farti fare un logo professionale.
  • Con 500 euro, invece, potresti farti creare una visual identity completa e fare stampare anche i biglietti da visita.
  • Con 1000 euro, che te lo dico a fare. E 1000 euro in un anno, non sono nemmeno 85 euro al mese.

Risparmia per investire

E come si risparmiamo 85 euro al mese?

  • 10 euro rinunciando a Netflix
  • 20 euro rinunciando alla pizza il venerdì sera
  • 30 euro rinunciando al caffè al bar tutte le mattine

E siamo già a 60.

Magari gli altri 25 euro, puoi risparmiarli facendo attenzione a mille piccole cose alle quali non badi: spegnendo la luce quando esci da una stanza, mettendoti addosso una maglia pesante anziché stare a mezze maniche col riscaldamento acceso, camminando per un paio di chilometri invece di andare con i mezzi, e così via.

Provaci. E poi comincia a pensare a quante cose meravigliose potresti fare per il tuo piccolo business investendo 1000 euro in un anno.

Fai fatica a capire quali sono le priorità? Possiamo studiare la situazione e capirlo assieme, così spenderai bene il tuo budget.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao, sono Chiara Manfrinato e metto a punto strategie brainmade with ♥ per piccoli business unici.

Vuoi sapere qualcosa di più su di me?

Oppure vuoi scoprire cosa posso fare per te?

La spedisco ogni primo lunedì del mese.

Racconto quello che ho fatto, quello che ho imparato e quello che ho scoperto il mese prima. Perché anche da quello che sembra un grosso WTF, secondo me, possiamo trarre molti spunti di riflessione e di ispirazione.

E ogni settimana faccio capolino per dirti: Ehi, c'è un nuovo post sul blog. Ti va di leggerlo?

E sì, ci sono anche i regali 🙂