Ci sono giorni che

24 Mag, 2017 | Felicità

Ci sono giorni che proprio non ce la faccio

Prima pensavo fosse un problema mio ma col tempo ho capito che succede a tutti.

Ti siedi alla scrivania, accendi il pc, guardi le mail, butti un occhio sulla to-do list del giorno e dici: Ora comincio. E invece non cominci. Passi un po’ di tempo su Facebook, poi ti sposti su Instagram. A un certo punto ti alzi e ti fai un altro caffè, magari svuoti il posacenere, carichi la lavatrice, ti limi le unghie, ti ritrovi a pensare che potresti pulire il forno. Passano le ore e sulla to-do list del giorno non c’è nemmeno un segno di spunta.

Quando mi capitavano giorni così, mi incaponivo. Restavo incollata al pc per ore, convinta che qualcosa avrei concluso.
Ma anche se traducevo un paio di cartelle o buttavo giù la bozza di un post, l’indomani mi rendevo conto di aver fatto scempi, quindi ricominciavo daccapo.

Adesso ho cambiato strategia: quando capisco che non combino niente, spengo tutto e non ci penso più, almeno per un po’.

Prenditi cura di te

Col tempo, ho capito che prendersi una giornata libera o anche qualche ora di vacanza non è un crimine.

Se stacchi per un po’ e dedichi del tempo a te stesso, a fare piccole cose che ti piacciono, poi sei anche più produttivo.

Fai una passeggiata

Se è un giorno che proprio non ce la faccio, mi vesto, mi infilo un paio di scarpe comode, afferro la borsa ed esco. Mi piace camminare, gironzolare senza meta per il quartiere, arrivare all’altro capo della città e tornare indietro. Di solito lo faccio con le cuffie in testa e mentre ascolto la musica mi guardo attorno, penso, e certe volte parlo pure da sola.

Quando torno dalla passeggiata sono regolarmente in modalità schiacciasassi e il più delle volte riesco a mettere il segno di spunta accanto a ogni singola voce della to-do list del giorno.

Vai a lavorare fuori

Se è un giorno che proprio non ce la faccio ma ho delle scadenze impellenti, cerco di trovare un compromesso per non farmi divorare dall’ansia e dal terrore di bucare una deadline, perché le deadline sono sacre. Recupero lo stretto indispensabile cioè carta, penna e tablet, e mi fiondo fuori. Se è inverno, sono costretta a rifugiarmi dentro a un bar. Se invece è arrivata la bella stagione, nove su dieci vado al mare.

Quando torno a casa sono rigenerata e riesco a concludere quello che avevo iniziato respirando aria buona.

Fai shopping

Se è un giorno che proprio non ce la faccio e il conto corrente è in salute, mi dedico a una delle mie grandi passioni: lo shopping. Guardo le vetrine, entro nei negozi, provo cose che mi piacciono e non mi servono, spendo.

Di solito torno a casa contenta e motivata a rimettermi a lavorare per potermi godere un’altra sessione di shopping al più presto.

Smaltisci le cose pallose

Se è un giorno che proprio non ce la faccio e so di avere accumulato una lunga serie di incombenze o commissioni di vario tipo, mi faccio forza e agisco. Il principio che applico è semplice: se non riesco a spuntare voci sulla to-do list delle cose di lavoro, almeno le spunterò sulla to-do list di tutto il resto. Quindi faccio la spesa, vado a tingermi i capelli, porto la macchina al lavaggio e simili cose pallose.

Una volta che tutte queste piccole cose rognose sono state risolte, avrò più tempo per lavorare.

Just relax

Se è un giorno che proprio non ce la faccio e sono apatica anche di fronte alla prospettiva di una passeggiata, di una toccata e fuga al mare, di un giro di shopping e di cose pallose, mi spiaccico sul divano. Leggo un libro, ascolto un po’ di musica, guardo un film o magari faccio binge-watching. E mi dico che domani è un altro giorno.

E tu cosa fai se è un giorno che proprio non ce la fai?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao, sono Chiara Manfrinato e metto a punto strategie brainmade with ♥ per piccoli business unici.

Vuoi ricevere i mixtape?

Se ti è piaciuto quello che hai letto, iscriviti alla newsletter, così ogni settimana ti arriva via mail il nuovo post del blog.

E una volta al mese mese ti mando il mixtape dove condivido le mie riflessioni su business, comunicazione, marketing online, con un po' di musica in sottofondo.

Se ti va, qui puoi leggere il mixtape #1.

E - ovviamente - ci sono anche i regali.